Perlite espansa

Perlite espansa (Materiale Termoisolante)

Materia prima
Il materiale fa parte degli isolanti minerali ed è inerte. La materia prima che è un minerale d’origine vulcanica che contiene acqua (3-6%) esiste in quantità sufficiente.

Processo di produzione e contenuto di energia grigia
La perlite grezza viene macinata e sottoposta a un semplice trattamento termico a 1000 °C. L’acqua in evaporazione esercita un’alta pressione che espande i granuli e si ottiene un prodotto a micro-alveoli simili al vetro cellulare. Il consumo di energia primaria è di ca. 223 kWh/m3. Durante l’applicazione si solleva polvere ed è consigliabile fare uso di mascherine.

Forme commerciali e applicazione
Il materiale si presenta in forma granulare e viene commercializzato in sacchi. I granuli sono relativamente piccoli (granulometria 0-2 mm) e per non dissipare il materiale occorre una protezione (telo, carta). Dalla perlite si ottengono anche altri materiali: la iperlite (superlite, granulometria 1,7-6 mm) è perlite idrofuga che si presta per essere applicata in muri ad intercapedine. La perlite, oltre che essere impiegata come isolante granulare sciolto, viene usata anche per la fabbricazione di pannelli isolanti rigidi impiegando leganti cementizi e per la confezione di calcestruzzo leggero, malte leggere e intonaci termoisolanti.

Nocività
Il materiale non crea problemi per la salute degli abitanti.

Comportamento in caso di incendio
La perlite espansa è completamente incombustibile e nel caso di incendio non emette né fumi né vapori tossici.

Comportamento a lungo termine
La perlite espansa è chimicamente inerte e imputrescibile, non viene attaccata da insetti e roditori e non assorbe umidità.

Riciclo e smaltimento
La perlite non è degradabile. Se non contiene leganti bituminosi il materiale e riutilizzabile, riciclabile e smaltibile su discariche per inerti.

Dati tecnici
Conduttività termica l 0,040-0,060 W/m K
Trasmittanza termica U (spessore 10 cm) 0,40-0,60 W/m K
Massa volumica r 50-130 kg/m3
Resistenza al vapore m 2-3
Resistenza alla compressione 15-35 kg/cm2
Resistenza al fuoco: Classe 0
Contenuto di energia primaria (CEP) 223 kWh/m3

Bibliografia:Wienke, U.: Manuale di Bioedilizia, 3° ed., Roma 2004

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *