I cambiamenti climatici e il riscaldamento globale

Il clima ed i suoi mutamenti: da cosa dipendono tutti questi cambiamenti e cosa si può fare per “limitare i danni”?

Clima Mondiale

 Parlare di clima è sempre un’ardua impresa, dato che si presenta come un fenomeno molto complesso regolato da influenze esterne o interne alla Terra. Che cosa si intende per influenze interne ed esterne? Senza addentrarci troppo nell’argomento ed iniziare lunghe digressioni con termini prettamente scientifici e di difficile comprensione, cercheremo di dare una definizione attraverso due semplicissimi esempi:

  • nel primo caso si può prendere come punto di riferimento le correnti oceaniche, che influenzano direttamente, appunto dall’interno del Pianeta, il suo clima;
  • nel secondo caso, invece, l’esempio più lampante è l’energia solare, che da lontano, interviene sulla Terra e ne condiziona il clima.

Tutto qui? Assolutamente no!

Il clima dipende non solo dagli appena citati fattori interni ed esterni, ma anche dall’attività antropica, cioè la totalità delle azioni umane, che possono generare direttamente un cambiamento, nel breve o nel lungo periodo, del clima dell’intero Pianeta. Forse, anzi, senza alcun dubbio, è proprio su queste attività che bisogna prestare maggiore attenzione, dato che è lo stesso uomo che, attraverso una ragione ormai offuscata dal denaro e dallo sfruttamento smisurato delle risorse energetiche (conseguente l’inquinamento industriale e non solo) sta letteralmente distruggendo un equilibrio naturale che un tempo era perfetto.

Agricoltura e deforestazione, sviluppo industriale senza limiti, estrazioni petrolifere con enormi emissioni di inquinanti e tanto altro ancora: ecco come l’uomo sta intervenendo direttamente sul clima terrestre. Quindi, per ritrovare l’antico equilibrio naturale, è necessario abbandonare ogni attività, industriale o di altro genere, che ha reso possibile uno sviluppo a dir poco incredibile del genere umano? No! Basterebbe solo utilizzare al meglio l’intelligenza di cui siam dotati, al fine di sfruttare le risorse in modo razionale e, quindi, ottenere uno sviluppo proporzionato a ciò che la Terra ha da offrire. Inoltre, è necessario aprire la mente e puntare lo sguardo su orizzonti che, ad un’analisi più attenta, non sono poi così lontani. Quali? Energia pulita!

Ma, torniamo al fulcro del nostro discorso e cerchiamo di capire cosa sono i cambiamenti climatici.

È possibile dare una precisa definizione di cambiamento climatico: “sono le variazioni dei parametri ambientali e meteorologici, cioè della temperatura atmosferica, degli oceani, delle precipitazioni, che vanno direttamente ad incidere sull’intero ecosistema del Pianeta, con conseguenze che interessano vegetazione e fauna che lo popolano”.

C’è da fare una piccola precisazione: il clima è soggetto, sempre e comunque, ad un normale cambiamento, come la stessa storia del nostro Pianeta ci ha fatto capire, ma se si agisce senza alcuna logica, i cambiamenti saranno più repentini e, soprattutto, porteranno sempre a conseguenze assolutamente non etichettabili come positive e naturali. L’uomo da ospite e fortunato custode di un Pianeta perfetto, si troverà ad essere identificato come distruttore senza scrupoli.

Cambiamenti climatici: il riscaldamento globale.

Riscaldamento Globale

Effetti irreversibili: a questo sta portando il riscaldamento globale causato dall’attività umana. Un fenomeno che interessa non solo i continenti che ospitano le Nazioni più industrializzate, ma il mondo intero. I dati si conoscono e sono stati resi noti, ma cosa si sta facendo? Poco, forse niente!

Infatti, le emissioni antropiche di gas serra, nonostante i continui avvisi degli ultimi decenni, sono aumentate di oltre il 70% dal 1970 ad oggi, con miliardi e miliardi di tonnellate di CO2 prodotte. Secondo gli esperti si è avviato un processo di riscaldamento globale senza uguali in passato e che porterà a cambiamenti climatici devastanti, di gran lunga superiori a quelli registrati nel secolo passato.

Gli scienziati si sono espressi e continuano a farlo in modo estremamente chiaro e preciso: “i cambiamenti climatici dipendono direttamente dalle attività umane”! Ma, la causa di un problema può trasformarsi anche nella soluzione dello stesso. In che senso? Se è l’uomo che, con le sue attività di sfruttamento e la sua logica del consumo senza cognizione di causa, ha provocato tutto questo, potrebbe esso stesso ad avviare un processo opposto, cioè di protezione dell’ambiente e di uno sviluppo basato principalmente sulle energie pulite, abbassando i livelli di emissione di CO2.

I recenti accordi sul clima hanno stabilito che i Paesi più industrializzati devono necessariamente ridurre entro il 2020 le proprie emissioni al di sotto dei livelli registrati nel 1990 e, soprattutto, investire in tecnologie pulite e strategie di conservazione e tutela ambientale.

Ma, cosa si intende per riscaldamento globale?

Nello specifico si tratta delle fasi di aumento medio delle temperature in atmosfera e nelle acque oceaniche, che è possibile definire, con maggiore precisione come surriscaldamento globale.

Cerchiamo di analizzare al meglio il fenomeno. La temperatura terrestre è regolata da 4 fattori principali: l’irraggiamento solare, l’atmosfera, il calore che dal centro della Terra arriva fin su in superficie e l’effetto serra naturale.

L’attività umana agisce direttamente su due di questi fattori, cioè sull’effetto serra e, quindi, sull’irraggiamento solare. In che modo? L’effetto serra è un naturale fenomeno, dovuto ai gas serra atmosferici, che mantengono su stabili livelli la temperatura del globo, permettendo l’azione di rimbalzo dei raggi solari. Ma, con una maggiore concentrazione di CO2 nell’aria, dovuta ad un uso irragionevole di combustibili fossili, questo naturale effetto serra subisce dei notevoli cambiamenti. Senza fare troppi giri di parole, è possibile semplicemente dire che i raggi solari filtrano più facilmente (buco dell’ozono) e non riescono più a disperdersi in modo da garantire un equilibrio della temperatura. È come se l’intero Pianeta si fosse trasformato in una grande serra!

 Effetti del cambiamento climatico e del surriscaldamento globale

Veniamo alle dolenti note: a quali conseguenze stiamo inesorabilmente andando incontro? Secondo gli scienziati e gli esperti del settore, nel primo secolo del terzo millennio si registrerà un aumento della temperatura globale compresa tra i 1,5 e i 5,8 gradi.

Scioglimento dei ghiacciai (disgregazione delle calotte polari) con conseguente innalzamento del livello delle acque oceaniche, cambiamenti nella distribuzione delle precipitazioni, estinzione di specie animali e vegetali e… meglio non andare oltre. Eventi naturali estremi!

Scioglimento dei Ghiacciai

Soluzioni

Una quadro davvero drammatico, che non promette nulla di buono, a meno che non si intervenga, tutti insieme, cercando di invertire rotta. Solo una politica di sviluppo sostenibile può cambiare un atroce destino che lo stesso uomo sta scrivendo.

Sviluppo sostenibile, eliminazione dell’uso di energia proveniente da fonti fossili, intelligente risparmio energetico e uso di energia pulita e rinnovabile: sono queste le mosse giuste per dichiarare scacco matto alla distruzione del Pianeta. Agire…subito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *