Quale illuminazione LED per il settore alimentare?

In ogni negozio è fondamentale esporre i  prodotti offerti in modo ottimale, a maggior ragione in un  negozio di alimentari dove il prodotto offerto viene giudicato dal consumatore con criteri ben precisi  che, quindi, scarta o sceglie. Studi statistici hanno infatti rilevato che la vista rappresenta il primo elemento che consente al consumatore di valutare il prodotto alimentare  in termini di qualità e freschezza.

Una disposizione corretta e anche una luce adeguata rappresentano  i fattori primari per dare modo al cliente di scegliere. L’illuminazione, in tal senso, riveste un ruolo fondamentale, non serve solo “per fare luce” ma offre tantissimi altri benefici: ad esempio, mette in risalto i colori e la naturalezza del prodotto esposto e può prolungare la conservazione del prodotto.

Si può affermare che una corretta illuminazione rappresenta un fattore cruciale di marketing capace di  indirizzare la scelta del consumatore.

Un grande  aiuto per il settore alimentare, ma non solo per questo, arriva dalla tecnologia Led che, oltre a consentire un rispamio energetico,  permette un’adeguata modulazione dello spettro di emissione, della resa cromatica e della temperatura del colore così da poter comunicare freschezza, genuinità e giusto grado di maturazione del cibo che si propone.

Quale illuminazione a LED si usa nel settore alimentare?

Le luci LED non sono tutte uguali, in commercio esistono apposite illuminazioni LED dedicate esclusivamente al settore alimentare, si tratta di prodotti che presentano specifiche e precise caratteristiche di luminosità e di cromaticità mirate a valorizzare i differenti prodotti alimentari e la merce in esposizione da banco. Ogni tipologia di alimento, dalla carne agli insaccati, da pesce alla frutta, dalla verdura ai latticini, dai prodotti da forno alle bevande necessità di cromaticità specifiche atte a valorizzare il prodotto.

Led rosa per la carne

Il consumatore giudica al primo impatto la qualità della carne basandosi sull’aspetto, pertanto una buona luce è fondamentale  per proiettare un’immagine di pulizia e freschezza dei prodotti.

La carne quando viene illuminata tende lentamente a desaturarsi (un colore è molto saturo se vivido, intenso. Il rosso fuoco, il verde, il blu sono totalmente saturi. Al contrario, al diminuire della saturazione, il colore diventa più tenue e tende al grigio). Si tratta di  un processo chimico avviato dallo spettro luminoso delle normali lampade, un processo che trasforma la mioglobina (il pigmento che conferisce alla carne il suo naturale colorito rosso) in metamioglobina rendendo  la carne di quell’antiestetico color marrone che certamente non invoglia il cliente.

Il risultato è infatti un prodotto dall’apparenza meno fresca e quindi meno invitante, un prodotto che probabilmente il consumatore non sceglierà. Si tratta di un impatto visivo sgradevole che, ovviamente, ha ripercussioni anche in termini di sprechi di cibo.

Le lampade LED per i banchi della carne impiegano uno speciale spettro luminoso tendente al rosa  in grado non solo di risaltare il colore naturale della carne, lasciando inalterato quello del grasso e delle nervature, ma anche di  allungare il tempo di trasformazione della miogloblina, favorendo una conservazione più lunga del prodotto. Un doppio vantaggio che in termini economici si riassume anche come un minor spreco di cibo.

Come scegliere l’illuminazione nel settore alimentare

Ma la luce giusta è importante per tutto il settore alimentare ed è fondamentale usarla in base al prodotto in vendita.

Optare per un’ illuminazione con tecnologia LED offre  innumerevoli benefici come il risparmio energetico, i minori costi di gestione, una durata dei prodotti maggiore, tutti  vantaggi specifici per il food lighting che vantano un’importante valenza strategica.

Usare la luce giusta per ogni tipologia di prodotto è fondamentale. In commercio si possono trovare luci LED specifiche a seconda dei prodotti esposti: ad esempio LED rosa per le carni, LED bianco caldo o giallo oro per prodotti da forno o per ortofrutta, LED bianco neutro ad alta resa cromatica per valorizzare pesce e crostacei.

Nella scelta di quella che è la luce giusta occorre. quindi, in primis tenere presente quelli che sono i prodotti offerti.

Concludendo, occorre porre un’attenzione alla tipologia di illuminazione nel negozio di alimentari. La tecnologia LED offre vantaggi sia sotto il profilo del risparmio energetico, sia nella valorizzazione  degli alimenti esposti favorendone una conservazione più lunga.

 

Ti potrebbero interessare anche queste informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.